Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Chi e cosa deve fare e in che ordine:

 

  • L’ Installatore realizza l’impianto ed esegue le verifiche previste dalle norme e dalle disposizioni di legge sull’impianto stesso, quindi  rilascia al datore di lavoro, la dichiarazione di conformità ai sensi dell’art. 7 del DM 37/08 e compilata in base al modello previsto dall’allegato I o II. La dichiarazione è datata e  viene sottoscritta dall’installatore e dal responsabile tecnico dell’ impresa che ha realizzato l’ impianto. Nel caso di impianti elettrici installati in luoghi con pericolo di esplosioneil rilascio della dichiarazione di conformità non vale come Omologazione dell'Impianto.
  • Dopo il ricevimento della dichiarazione di conformità il datore di lavoro puòMETTERE IN ESERCIZIO L’IMPIANTO, cioè iniziare l’attività lavorativa.
  • Entro trenta giorni dalla messa in esercizio dell’impianto IL DATORE DI LAVORO INVIA ALL’ISPESL  E ALL’ASL/ARPA territorialmente competenti (nei comuni in cui sia stato attivato lo Sportello Unico per le attività produttive, le due copie vanno inviate ad esso, che provvederà all’inoltro ai soggetti competenti) una copia della dichiarazione di conformità (senza allegati) insieme ad un modello di trasmissione della dichiarazione di conformità in cui si descrive localizzazione,tipologia e dimensioni dell’impianto. L’ISPESL rilascia un attestato di avvenuta ricezione della dichiarazione di conformità al fine di documentare l’adempimento dell’obbligo. 
  • L’ASL/ARPA, entro due anni, effettua la prima verifica sull’impianto (non coincide con la verifica periodica), che ha valore di OMOLOGAZIONE. [Ricordiamo che l’omologazione è l’atto amministrativo che attesta la conformità dell’impianto considerato alla regola d’arte e alle leggi vigenti in materia e che si riferisce solo a primi o nuovi impianti: se l’impianto viene rifatto anche in maniera sostanziale, non si parla più di omologazione ma di verifica straordinaria].
  • Il datore di lavoro è tenuto ad effettuare regolare MANUTENZIONE degli impianti.
  • il datore di lavoro è tenuto a far sottoporre gli impianti a  VERIFICA PERIODICALa richiesta di verifica, tramite un apposito modulo, può essere fatta all’ASL/ARPA oppure ad ORGANISMI ABILITATI DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. Queste verifiche sono a carico del datore di lavoro. La richiesta di verifica deve essere:

BIENNALE IN OGNI CASO

Tale verifica non può essere effettuata dagli installatori.

  1. Una volta eseguita la verifica, l’ORGANISMO rilascia un VERBALE al datore di lavoro, il quale lo deve conservare ed esibire in caso di controllo degli organi di vigilanza e per le successive verifiche.

Diagramma degli adempimenti di Legge

Allegati:

 DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37. Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti

Modello Dichiarazione di Conformità

Modello di Trasmissione della Dichiarazione di Conformità (da inviare all'ISPESL per impianti nuovi)

Diagramma degli adempimenti di legge per impianti elettrici installati nei luoghi con pericolo di esplosione

 P.IVA 06471071214

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sede

Via Brambilla, 27/B

80053 Castellammare di Stabia (NA)

Tel. 081.391.47.35

Fax 081.391.47.35

Email: info@istitutoinv.it

©2017 Istituto Nazionale di Verifiche srl. Tutti i diritti sono riservati

Search